25C-NBOMe

Nome/i comune/i 25-C NBOMe
Nome IUPAC 2-(4-cloro-2,5-dimetossifenil)-N-[(2-metossifenil)metil]etilammina
Origine Di sintesi
Via sublinguale
Dosaggio
Soglia 50 - 100 µg
Leggero 150 - 300 µg
Medio 300 - 700 µg
Forte 700 - 1000 µg
Molto forte 25C-NBOMe può essere fatale a dosaggi molto forti 1)
Durata
Totale 8 - 10 ore
Salita 30 - 90 minuti
Picco 4 - 6 ore
Postumi 1 - 4 ore
Effetti
Psichedelici

25C-NBOMe è una sostanza psichedelica derivata dalla feniletilammina 2C-C. Scoperta nel 2003 da Ralf Heim presso l'Università Libera di Berlino e posta sotto studio successivamente da David Nichols.

I composti appartenenti alla famiglia NBOMe non sono attivi oralmente per cui la loro assunzione si riferisce a quella sublinguale.

La sostanza non ha riscontri nell'utilizzo umano o ricreativo precedentemente al 2010.


Proprietà chimiche

25C-NBOMe è un composto N-benzile serotonergico derivato dalla feniletilammina psichedelica conosciuta come 2C-C. La struttura molecolare del 25C-NBOMe è una feniletilammina con l'aggiunta di due gruppi metossili (CH3-O-) legati al Carbonio in posizione R2 e R5 e il cloro in posizione R4. Differisce dal 2C-C per la sostituzione del gruppo amminico (NH2) con un gruppo 2-metossibenzile (BOMe).

L'aggiunta del gruppo BOMe è identica anche per i restanti composti della famiglia 2C-X. In questo gruppo troviamo un gruppo metossile (CH3-O-R) legato all'anello benzenico in R2.

Storia e diffusione

Seppur la sua scoperta risale al 2003 , si hanno notizie solo a partire dal 2010 quando cominciò ad essere venduta online.

Farmacologia

25-C NBOMe agisce sui recettori serotonergici 5-HT2A come agonista parziale. Test in vitro suggeriscono che abbia anche una affinità , seppur minore ,il recettore 5-HT2C.1)

Effetti

Effetti fisici

Effetti cognitivi

Effetti visivi

Effetti auditivi

Rischi e riduzione del danno

Tolleranza

Dosaggi e vie di somministrazione

Sintesi / Estrazione

Stato legale

Esperienze

Pagine collegate

1) Data from in vitro studies have shown that 25B-NBOMe has nanomolar affinity for the serotonin 5-HT2A receptor and is a partial agonist, with less affinity for the 5-HT2C receptor (Hansenetal.,2014; Ettrup et al.,2010 and 2011 | http://www.who.int/medicines/areas/quality_safety/4_18_review.pdf